Psicologo Psicoterapeuta per disturbi dell'alimentazione

Di solito il recupero dall'abuso di cibo e altri problemi alimentari è un processo lungo e difficile. La terapia cognitivo comportamentale è solitamente una tra le migliori terapie per velocizzare il recupero. Alcune terapie sono a breve termine, che richiedono circa quattro mesi. Altri possono durare anni.

Gli obiettivi di trattamento tipici includono:

Il recupero non riguarda solo il benessere fisico. Il recupero comporta la bonifica della vostra identità e la creazione di un sano rapporto con il vostro corpo. In terapia, è possibile sviluppare un senso di sé che non ruotano intorno dieta o l'aspetto.

disturbi-alimentari-mangiare-poco-anoressia

Alcuni gravi disturbi alimentari

Complicazione mediche dei disturbi alimentari

Disturbi alimentari possono spesso causare pericolose complicazioni mediche. UNA persona che sta avvertendo i sintomi medici dovrebbe cercare l'aiuto di un medico subito.

La bulimia può causare pressione arteriosa alta, diabete, obesità, e altri problemi di salute a lungo termine.
La bulimia è legata alla disidratazione, dolore addominale, e problemi intestinali. Se una persona si autoinduce quotidianamente il vomito, può seriamente danneggiare i denti in breve tempo, e causare danni all'esofago (che potrebbe addirittura lacerarsi).

L'anoressia spesso va di pari passo con la malnutrizione. Una mancanza di nutrizione può causare l'osteoporosi, l'ipotermia e perfino la morte. Se qualcuno mangia troppo in fretta dopo un periodo di digiuno, potrebbero anche morire di sindrome da rialimentazione. La sindrome di refeeding è quando l'aumento improvviso nelle sostanze nutrienti causa uno squilibrio dell'elettrolito nel corpo, conducente all'arresto cardiaco.

Un disturbo alimentare grave può causare perdita di peso, malnutrizione, e la crescita stentata. Le persone con disturbi alimentari gravi spesso richiedono integratori nutrizionali per reintegrare sali minerali indispensabili.

Un disturbo alimentare inteso come comportamenti quali l'ingestione di oggetti non alimentari può causare gravi danni a seconda di ciò che la persona mangia. Alcuni oggetti possono bloccare l'intestino e prevenire la digestione corretta. Altre sostanze come la vernice possono causare avvelenamento acuto. In alcuni casi, questo comportamento può essere fatale.

La ruminazione da adulti è invece stata collegata alla malnutrizione nei bambini e nei neonati.

Tipi di terapia per la risoluzione dei disturbi alimentari

Quando i disturbi alimentari non sono collegati a psicosi o altri disturbi psichiatrici gravi, ovvero quando si ritiene sia possibile modificare il comportamento dell'individuo, allora la terapia cognitivo comportamentale, così come altre terapie che modificano la risposta agli stimoli, possono essere d'aiuto.

L'attuale ambito di riferimento della terapia cognitivo comportamentale (CBT) per il trattamento dell'anoressia nervosa è basata sui lavori pioneristici di Aaron Beck e dei suoi colleghi (Beck, 1976; Beck, Rush, Shaw ed Emery, 1979), cioè coloro che hanno messo a punto la CBT per la depressione.